Capienza al 100% sui mezzi pubblici: Filt Fit Uilt non ci stanno

||| ||| |||

Dopo l'ultima ordinanza che ripristina la possibilità di utilizzo al 100% dei posti sui mezzi pubblici, l'appello dei sindacati a Regione Lombardia : Liberi tutti non è la soluzione.

Con le attuali norme i numeri dei passeggeri sono in graduale crescita, il rischio di una decisione del genere _notano uniti FILT Cgil Fit Cisl Uilt Uil_ è che si faccia un passo indietro sulla fiducia nell'utilizzare il mezzo pubblico.

Il Segretario della Filt di Milano Luca Stanzione, ai microfoni di Radio Lombardia, spiega come essendo la preoccupazione principale il virus, non è l'aumentare la capienza dei posti che aiuta a sconfiggerlo. "Non si capisce sulla base di quale novità scientifica si possa pensare prima ad un distanziamento corretto (quello di un metro) e poi passare da un giorno all'altro alla capienza al cento per cento. Secondo noi Regione Lombardia è arrivata in ritardo a gestire un problema quando il mese di settembre è li davanti e con la ripartenza delle scuole c'è un'insufficienza dei mezzi di trasporto pubblico locale. Avevamo fatto delle proposte, continua Stanzione, ad iniziare dal fatto che se le agenzie di trasporto pubblico fossero dotate di risorse, avrebbero potuto sottoscrivere contratti con bus turistici ed aumentare la capienza e la possibilità di trasporto degli studenti.

Tutto questo non è stato fatto ed oggi, ad un mese dalla riapertura delle scuole, hanno pensato di rimuovere il problema per non risolverlo.

Milano_04/08/2020

Video

Non si può rimuovere il problema per non risolverlo: l'intervento del Segretario della FILT Cgil ai microfoni di Radio Lombardia
Cookies Policy

Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy (Informativa Estesa).